Sintomi del diabete: scopri quali sono, le tipologie e come curarlo

I sintomi del diabete sono come un campanello d’allarme cruciale: includono l’aumento della sete, l’aumento della fame, il frequente bisogno di urinare, la perdita di peso improvvisa, la stanchezza e l’affaticamento…

Se non trattato adeguatamente, il diabete può portare a complicazioni gravi, come malattie cardiovascolari, danni al sistema nervoso problemi renali, problemi all’apparato visivo ed ulcerazioni agli arti inferiori soprattutto ai piedi.

Cos’è il diabete?

Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da livelli elevati di glucosio nel sangue.

Esistono diversi tipi di diabete, tra cui: il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2, (continua a leggere per approfondire la differenza tra i due).

La gestione del diabete prevede un approccio medico multidisciplinare.

I vari specialisti coinvolti sono il diabetologo, l’endocrinologo, il nutrizionista, il cardiologo, lo specialista in malattie vascolari ed il chirurgo vascolare.

Tutti questi specialisti possono offrire il loro valido contributo alla stesura di un piano terapeutico mirato, per offrire al singolo paziente le cure più adeguate al fine di raggiungere un migliore controllo della malattia e di conseguenza migliori condizioni di vita.

Essendo dunque il diabete una malattia complessa, che richiede una gestione consapevole e un’impegnativa aderenza alle terapie prescritte, il paziente dovrà impegnarsi nell’adottare uno stile di vita sano, cercando di mantenere un adeguato peso corporeo evitando l’insorgenza di obesità con mirate scelte alimentari ed il giusto esercizio fisico al fine di prevenire ulteriori complicanze.

Sintomi del diabete

Il sintomi del diabete possono essere molteplici, anche se la loro insorgenza e presenza può variare da persona a persona.

    • Aumento della sete: Le persone con diabete possono provare una sensazione costante di sete eccessiva. Questo si verifica perché elevati livelli di glucosio nel sangue possono comportare un grave stato di disidratazione, soprattutto nei soggetti anziani (primo dei sintomi del diabete).

    • Aumento della fame: l’organismo può avere difficoltà a utilizzare il glucosio come fonte di energia quando si è affetti da diabete. Questo può portare ad avere una frequente sensazione di fame, anche dopo aver mangiato.

    • Frequente stimolo alla minzione: l’eccesso di glucosio nel sangue porta ad un aumento della produzione di urina. Di conseguenza, le persone affette da diabete possono avvertire il bisogno di urinare più spesso del normale, specie di notte.

    • Perdita di peso improvvisa: Nelle persone con diabete di tipo 1, la mancanza di insulina può impedire al loro organismo di utilizzare il glucosio come energia. In risposta a ciò, il metabolismo energetico inizia a bruciare i grassi e le proteine per ottenere energia della quale l’organismo necessita, causando una importante perdita di peso non intenzionale.

    • Stanchezza e affaticamento: Il diabete può influire sulla capacità dell’organismo di utilizzare il glucosio in modo efficiente, causando una generale sensazione di stanchezza e mancanza di energia.

    • Visione offuscata: valori elevati di glicemia nel sangue possono influire anche sulla funzione dei vasi sanguigni degli occhi, causando una visione offuscata e/o sfocata con riduzione del visus.

Alcune persone possono non presentare sintomi del diabete evidenti o possono confondere i sintomi del diabete con altre condizioni patologiche. Pertanto, gli esami del sangue per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue, come l’emoglobina glicata o il test dell’autocontrollo della glicemia, sono essenziali per la diagnosi precoce del diabete.

Se si dovessero presentare anche solo alcuni dei sintomi del diabete sopraelencati, è consigliabile consultare un medico per un’adeguata valutazione e diagnosi. La tempestiva gestione del diabete è cruciale per evitare complicazioni a breve e lungo termine per preservare la salute generale.

sintomi del diabete

 

Tipologie di diabete

Esistono diverse tipologie di diabete, ognuna con caratteristiche distintive:

      • Diabete di tipo 1: È una forma autoimmune di diabete in cui il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule del pancreas responsabili della produzione di insulina. Di conseguenza, l’organismo non è in grado di produrre una sufficiente quantità di insulina. Il diabete di tipo 1 si sviluppa solitamente nell’adolescenza o in età giovanile ed è necessaria la somministrazione quotidiana di insulina per controllare i livelli di glucosio nel sangue.

      • Diabete di tipo 2: È la forma più comune di diabete, in cui l’organismo non utilizza correttamente l’insulina prodotta o non ne produce a sufficienza. Può essere influenzato da fattori genetici, obesità e stile di vita sedentario. Il diabete di tipo 2 può essere controllato adottando misure preventive come l’adozione di una sana alimentazione, lo svolgimento di attività fisica, perdita di peso e, in alcuni casi, farmaci orali ipoglicemizzanti o insulina.

      • Diabete gestazionale: Può insorgere durante la gravidanza. e solitamente si risolve appena dopo il parto, ma aumenta il rischio percentuale di sviluppare il diabete di tipo 2 in un prossimofuturo.

    • Altre forme di diabete: Ci sono anche forme meno comuni di diabete, come il diabete monogenico, una condizione genetica ereditaria, e il diabete associato ad altre malattie o farmaci. Queste forme particolari richiedono un approccio diagnostico e di gestione specifico, ma i sintomi del diabete restano i medesimi.

Come si cura il diabete?

La cura del diabete coinvolge un approccio multidisciplinare che mira a controllare i livelli di glucosio nel sangue, a prevenire complicanze ed a promuovere uno stile di vita sano. Ecco alcuni aspetti chiave della cura del diabete:

    • Alimentazione equilibrata: Seguire una dieta sana ed equilibrata è fondamentale per il controllo del diabete. È consigliabile consumare cibi ricchi di fibre, limitare l’assunzione di zuccheri semplici e carboidrati raffinati, moderare l’assunzione di grassi saturi e trans, e preferire fonti di proteine magre.

    • Attività fisica regolare: L’esercizio fisico regolare aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue, migliorare l’efficienza dell’insulina e mantenere un corretto peso corporeo. È consigliabile svolgere almeno 150 minuti di attività aerobica moderata alla settimana, oltre a esercizi di resistenza.

    • Monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue: Il monitoraggio continuo dei valori ematici è fondamentale per valutare l’efficacia delle terapie ed apportare eventuali modifiche. Si utilizzano inoltre dispositivi come il glucometro per il monitoraggio continuo del glucosio da parte del paziente.

    • Terapia farmacologica: In alcuni casi, il diabete richiede farmaci per controllare i valori ematici di glucosio. Questi possono includere farmaci orali, insulina o altri farmaci iniettabili. È importante seguire le indicazioni del medico e aderire il più possibile al regime terapeutico prescritto.

    • Gestione dello stress: Lo stress può influire sui livelli ematici di glucosio Può quindi risultare utile adottare strategie di gestione dello stress, come il rilassamento, la meditazione o una regolare attività fisica.

    • Visite mediche regolari: Le visite mediche periodiche consentono di monitorare i progressi ottenuti dal trattamento, affrontare eventuali problemi e complicanze insorte e modulare le terapie in base alle necessità individuali.

La cura del diabete richiede dunque un impegno costante da parte del paziente. Seguire il piano di trattamento personalizzato prescritto, adottare uno stile di vita più sano e collaborare strettamente con gli specialisti per poter tenere sotto controllo la malattia e prevenire complicanze a breve o lungo termine.

In caso di sospetto di diabete, è consigliabile contattare un diabetologo, specialista che si occupa di diagnostica e cura della malattia. Il diabetologo sarà in grado di valutare i sintomi del diabete, prescrivere gli esami necessari e fornire una diagnosi accurata, oltre a guidare il paziente nel percorso di gestione e trattamento di una così complessa e particolare patologia.

Premi il pulsante qui sotto per scoprire quale medico si prenderà cura della tua salute, conoscere tutte le prestazioni e prenotare la tua visita o esame specialistico.